Produrre energia pulita

Gli studenti del Liceo IESS e l’insegnante di Fisica Francesca Ferrari hanno voluto impostare un corso che valorizzasse glia spetti etici della Scienza e le possibili applicazioni utili ed ecologiche della tecnologia. Una guida per la realizzazione di questi intenti sono state le riflessioni del nostro vescovo Massimo Camisasca, che ha spiegato la necessità di una visione equilibrata del rapporto tra l’uomo ed il Creato al fine di conciliare le necessità di sviluppo tecnologico con i principi di uguaglianza e di rispetto della natura. “Occorre un cuore attento alla verità ed alla bellezza per riconoscere anche nella natura e nelle sue leggi tale verità ed alla bellezza per riconoscere anche nella natura e nelle sue leggi tale verità e tale bellezza”, ha detto il Vescovo nella sua omelia per l’ottava giornata per la custodia del Creato. Gli studenti e l’insegnante hanno tratto ispirazione da queste parole per impostare il corso di fisica di quest’anno ed in particolare il progetto che li ha condotti a realizzare in laboratorio strumenti che producano energia mediante materiali di origine naturale.

La ricerca degli studenti è stata finalizzata a studiare metodi a basso impatto ambientale e a costi accessibili per la produzione di energia. Barbabietole, limoni e bicarbonato di sodio sono diventati, in classe, la materia prima per costruire celle fotovoltaiche artigianali. Mediante un trattamento in acqua bollente i ragazzi sono riusciti ad estrarre dalle barbabietole i pigmenti sensibili alla lice. Con un lavoro di precisione questi pigmenti mescolati a bicarbonato di sodio ed acqua sono stati depositati su vetrini da laboratorio. I vetrini assemblati, collegati a fili metallici ed esposti alla luce solare sono in grado di generare piccole correnti elettriche. Con i limoni è stato possibile mettere in funzione circuiti elettrici costruiti dagli studenti ed alimentare un piccolo condensatore elettrico.

Le informazioni dettagliate sui procedimenti applicati e sui materiali utilizzati sono state raccolte ed illustrate dagli studenti in filmati didattici visibili sul canale TeacherTube. Gli studenti hanno riflettuto, così, sulle leggi che governano i fenomeni elettrici, ma anche e soprattutto sui fini etici che la ricerca deve avere in materia di generazione di energia rinnovabile.

Condividi su:
  • it